«La difesa della razza». Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista.pdf

«La difesa della razza». Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista PDF

Francesco Cassata

Ben nota ma poco conosciuta, la rivista fascista La Difesa della Razza (uscita con cadenza quindicinale dal 1938 al 1943 sotto gli auspici del Ministero della Cultura Popolare) giocò un ruolo rilevante nella definizione del problema razziale in Italia e nella diffusione della propaganda razzista negli anni cruciali della persecuzione antiebraica. In questa prima vera ricostruzione storiografica, Francesco Cassata ricompone la vicenda politica e intellettuale del periodico fascista: i cospicui finanziamenti che lo sostennero (provenienti dal mondo bancario, industriale e assicurativo), le variazioni della linea editoriale, il suo linguaggio e i suoi contenuti, la veste grafica (aggressiva e non convenzionale), limpatto sullopinione pubblica.

La campagna razziale del regime venne avviata nel 1938, in parte come diretta conseguenza dei rapporti con la Germania, ma in realtà collegata alla «politica della razza» intrapresa dal fascismo e strettamente legata al culto del fisico e della salute, e che aveva trovato espressione nelle politiche a favore della maternità, della crescita demografica e del culto del corpo. Pertanto, il 24 giugno 1938, Mussolini incaricò il giovane antropologo Guido Landra di stendere una specie di decalogo ideologico del razzismo fascista. Il testo steso da Landra fu pubblicato anonimo il 14 luglio 1938 sul Giornale d’Italia con il titolo Il fascismo e i problemi della razza.

6.85 MB Dimensione del file
9788806189556 ISBN
Gratis PREZZO
«La difesa della razza». Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.giemmeroma.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

31 gen 2009 ... In un saggio ben documentato e di agevole lettura, “La Difesa della razza. Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista” (Einaudi, 413 ... 2008, «La difesa della razza». Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista, Turin, Einaudi. — 2006, Molti, sani e forti. L'eugenetica in Italia, Turin, ...

avatar
Mattio Mazio

Il libro è "La Difesa della razza. Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista" (Einaudi, pagg. 413, euro 34) , scritto da Francesco Cassata , giovane storico dell'Università di Torino.

avatar
Noels Schulzzi

24 apr 2019 ... La difesa della razza, rivista italiana fascista del 1938 (Foto di Luca Cellini) ... per mantenere la nostra immagine di “italiani brava gente pare che ci si debba ... e politico che aveva raggiunto rifacendosi a molti pri... Oct 27, 2016 ... ... 2009); Francesco Cassata, 'La Difesa della Razza': Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista (Turin: Einaudi, 2008); Marie-Anne ...

avatar
Jason Statham

«La difesa della razza». Politica, ideologia e immagine del razzismo fascista: Ben nota ma poco conosciuta, la rivista fascista "La Difesa della Razza" (uscita con cadenza quindicinale dal 1938 al 1943 sotto gli auspici del Ministero della Cultura Popolare) giocò un ruolo rilevante nella definizione del "problema razziale" in Italia e nella diffusione della propaganda razzista negli anni ... «La Difesa della razza» nasce nell’agosto 1938 dalla saldatura di due distinti ambiti razzisti: da un lato il gruppo di giornalisti legati da tempo a Telesio Interlandi e ai periodici da lui diretti; dall’altro, alcuni degli scienziati firmatari, nel luglio 1938, del cosiddetto Manifesto della Razza.

avatar
Jessica Kolhmann

La difesa della razza ospitò contributi di vari intellettuali, non sempre concordi tra loro nel definire il concetto di razza.La linea prevalente, però, fu quella biologica, fissata da Landra nel Manifesto degli scienziati razzisti, che non a caso fu ripubblicato proprio sul primo numero della nuova rivista. Nei suoi primi anni di vita, il periodico ebbe una tiratura altissima, oscillante ... La difesa della razza è stato un giornale italiano, diretto da Telesio Interlandi fin dal primo numero, il 5 agosto 1938; venne stampato, con cadenza quindicinale, fino al 1943 (l'ultimo numero, il 117, risulta uscito il 20 giugno 1943) dalla casa editrice Tumminelli di Roma.. L'anno sulla copertina decorre dalla Marcia su Roma (28 ottobre 1922).