Trekking sulle Alpi Marittime

L’Alta Via dei Re è la traversata in più tappe del Parco naturale delle Alpi Marittime che tocca le località più interessanti dell’area protetta: grandi laghi, punti panoramici, angoli ricchi di fauna. Posti “da re”, per l’appunto. E’ prevista, in condizioni meteo ottimali, l’ascesa alla cima dell’ Argentera (m 3.297). Punto di partenza è Sant’Anna di Valdieri, che si raggiunge da Borgo San Dalmazzo risalendo la Valle Gesso, punto d’arrivo a chiudere la traversata è San Giacomo di Entracque, dove potremo incontrarci con i soci della GM di Moncalieri che gestiscono ivi una casa della GM ed il bivacco “Moncalieri” al passo dei ghiacciai. L’Alta Via dei Re è uno dei più spettacolari trekking delle Alpi. I grandi laghi Sella inferiore e superiore – il primo prediletto dalla regina Elena per la pesca; il panorama sulla Serra dell’Argentera dal Colle di Valmiana; l’arrivo alla casa di caccia del Valasco, al centro di un pianoro incastonato tra pareti di granito;i cinque laghi di Fremamorta nelle cui acque si specchiano il Corno Stella e l’ Argentera; lo sperduto laghetto di Nasta, ghiacciato per buona parte dell’anno; la vista, dal Colle di Fenestrelle, di quanto resta dei ghiacciai più meridionali dell’arco alpino, nascosti tra le pieghe del Gelas; la conca a 2600 metri del Pagarì, angolo di montagna estrema non sono che alcune delle istantanee che si fissano per sempre nella mente di chi percorre questi luoghi. Poi ci sono gli incontri con gli animali, camosci e stambecchi in particolare, con una flora che può contare su molte specie rarissime. Oltre al godimento delle bellezze naturali se ci sarà tempo potremo visitare il Museo della Civiltà della Segale a Sant’Anna di Valdieri e il Memoriale della deportazione a Borgo San Dalmazzo, stazione dalla quale partivano i treni dei deportati italiani per Auschwitz, tra i quali Primo Levi. Per il termine delle iscrizioni contattare i DdG. Spesa probabile circa 300 € di rifugi e pranzi, e 200 € di spostamenti. Aggiunta di 2€/giorno per l’assicurazione integrativa. Prevede la dotazione per alpinismo e ferrata (sentire i DdG per i dettagli):

Condizioni per partecipare: Il trekking, viste le quote in cui esso si svolge e considerando la lunghezza delle tappe, i dislivelli previsti e l’ascensione, che si effettuerà, sebbene solo in condizioni meteo ottimali, in autonomia, prevede da parte dei partecipanti, il rispetto dei seguenti punti:

  • Buona preparazione fisica, allenamento e buon adattamento alle alte quote.
  • Sufficienti capacità tecniche di salita su roccia, neve, ghiaccio (uso di ramponi e piccozza) e misto con tratti attrezzati.
  • Tetto al numero dei partecipanti max 14/15 persone.

I DdG si riservano di valutare in anticipo il rispetto dei punti 1, 2 dei partecipanti in alcune uscite poco prima della partenza la cui frequenza si rende necessaria ai fini della partecipazione al trekking. Contatti: per informazioni Fabrizio Farroni: ffarroni@sogei.it cell. 335.7272381, Andrea Cecchini: andy66@inwind.it

Programma – suscettibile di variazioni in caso di avverse condizioni meteorologiche:
1° giorno, Sabato 11: mattina presto (ore 5:00/6:00) partenza da Roma con auto private e arrivo a Sant’Anna di Valdieri (m 978). Possibile sosta a Borgo San Dalmazzo per la visita al memoriale della deportazione. Si percorre la sponda del Rio Meris e si arriva al Rifugio Livio Bianco. (m 1910). Dislivello salita circa 900 m.
2° giorno, Domenica 12 partenza dal Rifugio Livio Bianco (m 1.191), arrivo al Rifugio Questa (m 2.388) passando per il colle dalla Paur (m 2.890). Dislivello salita, circa 1000 m fino al rifugio.
3° giorno, Lunedì 13: dal Rifugio Questa (m 2.388) al Rifugio Remondino (m 2.430) , passando per il Colletto del Valasco (m 2.429) ed il Pian della Casa (m 1.743) Dislivello salita, 1400 mt (in due tranche da 700 m) , dislivello discesa 700 m.
4° giorno, Martedì 14: dal Rifugio Remondino al Rifugio Ellena Soria Prevista la salita alla Cima Sud dell’Argentera, passando per il colle dei detriti e discesa al Rifugio Genova e poi al Rifugio Ellena Soria per il colle delle Fenestrelle. Dislivello in salita m 400 (ascesa all’Argentera). Solo per chi non fosse in condizioni di affrontare l’Argentera, si raggiunge il rifugio Genova attraverso il passo del Brocan.
5° giorno, Mercoledì 15: dal rifugio Soria al Rifugio Marchesini Pagarì, passando per il passo dei ghiacciai. Dislivello in salita circa 1200 mt, necessari piccozza e ramponi
6° giorno, Giovedì 16: dal Rifugio Marchesini Pagarì discesa a San Giacomo di Entracque e ritorno alle auto e poi a Roma. Possibilità di pranzo e sosta alle Terme di Valdieri

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi