Le gole del Lacerno

LE GOLE DEL LACERNO (E)
(DdG: D. Magliocchetti, F. Caldara)
Canyon del Lacerno da Campoli Appennino (Fr) assieme alla sezione del Club Alpino Italiano di Frosinone e alla Compagnia dell’Impegno Itinerario: Il suggestivo itinerario della parte bassa del Vallone del torrente Lacerno permette di inoltrarsi nella stretta forra che dal paese di Campoli Appennino si inoltra verso il Monte Cornacchia e il PNALM. Da dove si è parcheggiato si imbocca un sentierino a mezzacosta a tratti disagevole, che gradatamente scende nel fondo del Vallone con bella vista sul Monte Serrone. Raggiunto il greto del torrente, a seconda delle condizioni ambientali si proseguirà direttamente in acqua e/o passando per le strette rive sia a destra che a sinistra, con un percorso altalenante in leggero saliscendi. Attraverso tratti di bosco e vegetazione che si potrà trovare a volte intricata, si incontreranno in successione tre strettoie piuttosto scenografiche con alte e strette pareti di roccia. La terza ed ultima di esse dovrà necessariamente, ma solo se possibile, essere percorsa entrando direttamente nel grosso e impetuoso torrente che qui scorre tra ancor più vicine e alte pareti rocciose con illuminazione appena sufficiente. Alle fine il percorso è sbarrato da un salto di roccia con cascata che non permette di continuare. Il ritorno avverrà per il percorso dell’andata.
Ritrovo: ore 7:30 a Piazzale Ostiense (lato Mura) per partire alle ore 7:45
Viaggio: necessariamente con mezzi propri. Autostrada verso Sud direzione Napoli. All’ uscita del
casello di Ferentino, prendere la SSV SR 214 per Sora, da dove, dopo l’uscita obbligatoria, si prende la SR 509 per Forca d’Acero uscendo alla seconda indicazione a sinistra per Campoli Appennino. Senza entrare in paese, si prende il secondo bivio a destra (direzione Pescosolido) per voltare poco dopo a destra nei pressi di una fontana e una casa proseguendo per una tortuosa e stretta strada asfaltata. Tra case sparse e coltivi si raggiunge il piccolo agglomerato di Querceto da dove, raggiunto il primo tornante, si può parcheggiare. Sul posto si valuterà se proseguire ancora con i veicoli per raggiungere più a monte un parcheggio più comodo.
Dislivello complessivo: 200 m circa.
Tempo complessivo: 3 ore circa (soste escluse).
Rientro: Previsto trà le 18.30 e le 19:30 secondo le condizioni del traffico.
Costo: circa 50 euro a veicolo da suddividere tra i componenti degli equipaggi
Iscrizioni: entro il 15 Giugno contattando il DdG Federica Caldara cell 347.8273929
e- mail fedeca34@hotmail.com
Equipaggiamento richiesto: per normali escursioni in montagna di difficoltà “E”. Scarponi con suola ben scolpita, una maglietta leggera e una più pesante con eventuale ricambio, un “pile” o simili, giacca a vento, guanti e berretto, occhiali da sole, pranzo al sacco, acqua, indumenti di ricambio da lasciare in auto (determinanti, visto che ci si può bagnare), piuttosto utili i bastoncini telescopici, ma anche decisamente consigliati sandali tipo Teva e costume o bermuda da bagno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi